Coppia sulla spiaggia
foto   meditour sito web 1.png
  • Beatrice Collini

Il carnevale in Abruzzo: la ricetta della Cicerchiata

Aggiornamento: 1 feb

La cicerchiata è il dolce tradizionale del carnevale abruzzese, colorato e golosissimo, immancabile sulle nostre tavole per onorare la festa più allegra dell’anno. Simili a tanti dolci della tradizione italiana, imparentata probabilmente con gli Struffoli natalizi napoletani, la cicerchiata è composta da piccole palline croccanti immersi nel miele e decorati con confettini di zucchero colorati.


In questo articolo vi proponiamo la ricetta per divertirvi a preparare questo dolce in attesa del martedì grasso.

La tradizione abruzzese afferma che la storia di questo dolce inizia nelle zone dell’alto Sangro, area storicamente vocata all’apicoltura e quindi al miele che fa da collante alle deliziose palline. Il nome deriverebbe invece dalla forma di queste palline che per certi versi ricorda le “cicerchie”, antica varietà di legumi, di forma irregolare simile a dei ceci schiacciati, coltivati particolarmente nelle zone del Centro Italia e in Abruzzo.


Esistono numerose varianti della ricetta soprattutto per l’aggiunta di alcuni ingredienti come mandorle tostate, frutta candita ma di seguito vi proponiamo una delle ricette più antiche.


 

Elenco degli ingredienti

  • 5 uova

  • 200 gr di zucchero

  • 1 limone

  • 450 gr (circa, le nostre nonne facevano tutto a occhio!) di farina

  • 12 cucchiai di olio

  • ½ kg di miele

Come iniziare


Su una spianatoia versate a fontana la farina, aggiungete al centro le uova, lo zucchero, l’olio e una grattugiata di limone. Impastate velocemente fino ad ottenere un panetto compatto e morbido e lasciatelo riposare per qualche minuto (le nonne suggeriscono una trentina di minuti).


Dall’impasto iniziale ricavate dei rotolini lunghi di circa 1 cm di diametro. Tagliate il cordoncino in piccoli pezzetti lunghi circa 1 cm e passateli tra le mani per ottenere dei piccoli gnocchetti dalla forma arrotondata. Friggete le palline in abbondante olio caldo. Attenzione alla grandezza, una volta fritti i vostri gnocchetti tenderanno a gonfiarsi! Poi scolateli su carta assorbente così da eliminare l’olio in eccesso.



Mettete a scaldare il miele su una fiamma bassa e in una pentola abbastanza grande che possa contenere tutte le vostre “cicerchie”. È necessario che il miele si cucini per bene, il colore deve essere simile a quello dell’ambra, spegnete il fuoco e inserite dentro le vostre palline e mescolate con cura.

Infine adagiate il composto su un piatto da portata e prima che il miele si raffreddi completamente modellatelo con le mani leggermente bagnate della forma desiderata.

 



Tradizionalmente il dolce si presenta a forma di corona, come se fosse una ciambella, anche se ultimamente si trova servito in pirottini di carta. Il consiglio furbo è quello di spremere il limone sul tuo piatto da portata, pirottino o su qualsiasi base tu voglia posizionare la tua cicerchiata con il miele caldo. Il succo di limone impedirà al miele di attaccarsi e ti eviterà una brutta figura con i tuoi ospiti.




79 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti